Come inserire il codice di monitoraggio di Google Analytics

Google Analytics inizia a raccogliere dati di monitoraggio da un sito web dopo aver configurato un account, le proprietà e le viste ma ciò non basta. Per far in modo che il processo cominci bisogna istallare il tag di monitoraggio all’interno del sito.
Dopo aver istallato il codice sarà possibile prendere visioni dei dati nei rapporti di analytics. La visualizzazione dei dati potrebbe richiedere 24 ore dall’inserimento del tag di monitoraggio. Adesso vedremo come inserire il codice di monitoraggio di google analytics.

I due metodi per l’inserimento

Per inserire il codice possiamo scegliere due strade. Inserire il codice di monitoraggio di google Analytics direttamente nel codice HTML di ogni pagina del nostro sito oppure inserire il codice all’interno del contenitore del sito web di Google Tag Manager.
Consiglio l’uso di Google Tag Manager in quanto la configurazione futura di altri tag è notevolmente semplificata.
Nel caso tu voglia aggiungere il codice di monitoraggio di Google Analytics direttamente nel codice HTML del sito dovrai avere accesso al codice sorgente e intervenire manualmente sul codice HTML delle pagine che ti interessa monitorare.

Inserire il codice di monitoraggio nella maniera più semplice

Per prima cosa dovrai effettuare l’accesso al tuo account di Analytics andare su informazione sul monitoraggio e scegliere codice di monitoraggio. La parte del codice di monitoraggio che ci interessa si trova in un riquadro contenente alcune righe di codice JavaScript identificate dai tag .
Una volta trovato lo snippet è fondamentale selezionarlo per intero. Successivamente copiarlo senza aggiungere alcuna modifica e incollarlo all’interno di tutte le pagine del sito che intendiamo monitorare prima del tag di chiusura .
Creando il sito web in modo da avere un’intestazione costituita da un file incluso in tutte le pagine sarà sufficiente incollarlo in questo file. Così lo avremo a disposizione su tutto il sito e non dover intervenire manualmente su ogni singola pagina
Se invece vuoi di utilizzare Google Tag Manager è prima necessario creare il tag contenitore. Questo contenitore sostituisce tutti gli altri tag del sito rendendo il codice più leggero e soprattutto svincolando chi si occupa di web marketing dalle attività tecniche dei webmaster (un plus non indifferente da considerare assolutamente).
Una volta inserito il codice di Google Tag Manager nel sito sarà sufficiente configurare su Google Tag Manager un tag di Google Analytics.
Anche in questo caso è possibile inserirlo direttamente nel file di intestazione incluso nelle altre pagine.
Dall’interfaccia di Google Tag Manager, quindi, aggiungeremo un nuovo tag, assegnandogli un nome e inserendo l’ID di monitoraggio della proprietà nel campo obbligatorio.
Una volta configurato il tag sarà possibile pubblicare il tag contenitore e il monitoraggio di Google Analytics sarà attivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *